“Le 1000 piccole cose… che mi fanno incazzare”


Sì, lo so le parolacce non si dicono… ma in realtà “incazzare” non è una parolaccia, è un modo decisamente marcato per sottolineare che quella cosa lì, proprio quella lì, non si regge...

Il libro che vi propongo, è un piccolo vademecum, fuori stampa, del lontano 1991, di May Rotto. Ma ancora potete trovarlo, ad una cifra veramente irrisoria su ebay.

Come sottolineato nella prefazione, non fatevi trarre in inganno dal titolo, che sembra dare “poco tono” al contenuto. Lo scopo è la riflessione, si condividono le idee dello scrittore, oppure noi ne avremmo scritto uno tutto nostro? Avremmo,magari, ampiamente superato le 1000 cose, che ci danno il “prurito“. Tra le mie preferite: “quando l’ombrello ti si ribalda sotto un acquazzone”, “quando scegli la fila più corta alla cassa e ci metti più degli altri”, quest’ultima nel rispetto delle ormai inflazionate leggi di Murphy!!! (per i più interessati trovate maggiori informazioni in questo link, http://it.wikipedia.org/wiki/Legge_di_Murphy)Prosegue con “quelli che al cinema scartocciano le caramelle”, oppure “quando cancellano il tuo programma tv preferito per una nobile causa”.

Come vedete ce n’è per tutti i gusti, credo che da oggi in poi comincerò il mio elenco personale, lo concluderò il 31 dicembre 2011.. Prima della fine del mondo!!!

Buona lettura!