Le donne vengono da Venere… o Venere non c’entra niente?


Due titoli molto conosciuti, il primo libro “Gli uomini vengono da marte e le donne da Venere” è un testo ormai conosciutissimo chi non l’ha letto, anche per la semplice curiosità di vedere se è come la pensiamo noi o cos’altro. Il secondo libro,che compone l’ultima metà del titolo è “Gli uomini vengono dalla Terra. Le donne pure. Marte e Venere non c’entrano nulla”, l’autore B.P.Happy, lo dice chiaramente, il problema è la comunicazione, non è una questione di pianeti, è una questione di comprensione di due linguaggi differenti…. Ora caro signor Happy non so, se durante una furiosa lite, io sia capace di fermarmi ad ascoltare e cambiare dizionario “mentale” per poter meglio capire la mia dolce metà… Ma visto che il problema potrebbe essere proprio questo, ci provo, mi risparmio l’esplosione dell’aorta ogni volta!

Visto però che io e le mie amiche, alla fine ci ritroviamo sempre a parlare di quanto gli uomini ce le facciano girare, mi sembra giusto chiacchierarne con voi.
Di certe cose non ci si lamenta, dopotutto, si sopportano difetti da entrambe le parti.
Ma quello che sento ridondante è che le donne devono essere pronte a cambiare, rendersi flessibili al mutamento dei climi e delle stagioni, (non solo quelli che già la generosa natura ci ha consesso). Nonostante, età che avanza, ciclo mestruale, disordini psicologici da stress dovuto alla sopportazione dei ritmi familiari e lavorativi.
Mi chiedo, perché non riusciamo in qualche modo a farci “scivolare” quei comportamenti dannatamenti infantili dei nostri compagni. Forse perché ormai maggiorenni?
Non siamo le madri! Anzi le madri sono quelle che ci guardavano con faccia pietosa e ci imploravano di portare fuori casa il “figlio al prodigo”. Per meglio comprendere, guardatevi questo film veramente carino.,,
Dopo attente “osservazioni domiciliari” mi rendo però conto che queste “matrone” si sono dimenticate che il pupo non porta più il pannolino, e che la catastrofe parte proprio da qui! La sostituzione del pannolino con continue attenzioni, richieste pazzoidi, fuori luogo, inappropriate, quotidiane,  sempre in mezzo alle …. metteteci quello che volete voi, così nessuno si offende!

Il maschio, ad un certo punto(credo), avrà anche desiderato, come qualsiasi altro essere umano, l’indipendenza, la solitudine dell’adulto, l’autonomia ma le madri con le loro sottane (anche se oggi portano minigonne vertiginose), rendono tutto più difficile.
Perché senza quei pannolini da cambiare rimane ben poco, visto che purtroppo recuperare il rapporto con il proprio marito sembra una mission impossible! Ma iscrivetevi ad un bel corso di yoga, nuoto, pittura, ricamo… Dunque mi vien da domandare: è il figlio attaccato alla sottana della madre o la madre attaccata ad un pannolino inesistente del figlio?
Questo signore mie è il mio pensiero.
Comunque, quest’argomento ronza nelle vite delle giovani donne durante tutte le telefonate di emergenza alle amiche.
Ora, via libera! Sfogatevi! E scrivetemi cosa non mandate proprio giù e cosa invece riuscite a sopportare! E perché no, cosa sopporta lui di voi! Sempre che lui “sopporti”, dopottutto noi donne siamo ad un soffio dalla perfezione!!!E ai maschietti chiedo, cosa ne pensate? Perfavore siate gentleman… se la mamma ve l’ha insegnato!

 

DEDICATO A SILVIA M.

Un pensiero su “Le donne vengono da Venere… o Venere non c’entra niente?

I commenti sono chiusi.