SLUTWALK… Eccole qua!


Eccole qua! Vestite nel peggiore dei modi… o svestite nel peggiore dei modi, oserei dire. Non ce la faccio proprio a capire questo modo di rivendicare i diritti… quello della piazzata! Comunque, per chi invece ritrova efficace questo metodo, ecco l’arrivo anche in Europa della marcia delle sgualdrine. Queste donne scendono in strada con chiare scritte, sul corpo seminudo, lingery bella in mostra. Ma siamo proprio sicuri che si debba fare così? Torno a chiedere! Comunque dicevo, scritte sul corpo di chiaro significato per gli uomini, che sicuramente troveranno appetitose quel bel paio di tette, lì, così… E invece no, no, no, devi leggere bene cosa c’è scritto: “Can’t touch this”… e poco più sotto… ” without consent”. Come dire: non si fa… a meno cheBrave! Proprio un bel modo di dare un ordine, un comando espresso in modo deciso!

E per chi non sa bene l’inglese gliela traduco: “Non si possono toccare queste!”… “Senza consenso”.

Sicuramente gli uomini che osservano, attentamente, sul ciglio della strada, leggeranno con moooolta attenzione! Non so se tutte queste donne scendono per le strade con lo stesso obiettivo… magari per qualcuna è un modo come un altro per mettersi in mostra, per altre sicuramente una vera battaglia… Ai posteri l’ardua sentenza! Intanto mi guardo questa immagine con tante foglioline che partono proprio da lì… e rifletto…

Non c’è proprio altro modo per far capire agli uomini che violentare le donne non si fa!

Un pensiero su “SLUTWALK… Eccole qua!

I commenti sono chiusi.